Il legazione d’accoglienza: «Facciamo modo con Kosovo» «Le persone offese ci hanno raccontato cosicche all’uscita dai mezzi c’era un manipolazione vessatorio: sputi, spintoni, insulti, insulti politici, e ed minacce, particolarmente gravi in quale momento indirizzate direzione donne e a sfondo erotico «entro stasera vi facciamo tutte», «bisogna fare modo in Kosovo».

Noi lo abbiamo attirato il «comitato di accoglienza», evo la ricevimento di chi arrivava.

Ci sono descrizioni di calci, sputi, e prossimo. Sono state descritte situazioni di attesa mediante presente piazzale, ovverosia di fronte il parete della palazzina, oppure addosso la agguato del campetto da tennis. Ad es. compiutamente il branco degli arrestati alla Paul Klee vengono tenuti con piedi presso il sole di faccia questa insidia. Estranei adesso, ed e il avvenimento di coppia arrestati della Diaz, verso un arbusto in quanto epoca – lo abbiamo controllo – nel piazzalino. E dobbiamo attaccare a parlare della livello in cui venivano spesso tenuti: sopra piedi, gambe divaricate, braccia alzate ovverosia lento il corpo, faccia al muraglia. Questa luogo e chiaro in quanto dato che aggravio a causa di un esattamente qualita di eta comporta una tormento fisica, ed e manifestamente deprimente verso chi la subisce. L’abbiamo appello «posizione vessatoria di stazionamento ovverosia di attesa», in distinguerla dalla «posizione vessatoria di transito». Abbiamo la dichiarazione dell’infermiere Poggi perche ci ha ricordato questa luogo, che ci hanno esposto addirittura molti arrestati, e ci ha motto giacche nel idioma della gendarmeria penitenziaria veniva attitudine «la atteggiamento del cigno». (Ranieri Miniati)

«1-2-3 evviva Pinochet, 4-5-6 a dipartita gli ebrei» «Nelle celle sono riferite percosse di vario varieta: manganelli, schiaffi, pugni, pugni guantati, calci, colpo sulla cervice per far agitare la viso di fronte il barriera, molto e fedele perche parecchi testimoni hanno ricordato di portare visto macchie di parentela sui muri della prigione ancora oppure fuorche all’altezza delle teste. Appresso abbiamo i lanci… gli spruzzi di spruzzatore, non solo il venerdi che il sabato, casualita rappresentativo perche e ricordato da tutti, mediante lo spruzzo contro LK, in quanto si sente sofferenza, vomita, l’intervento di Toccafondi (dottore affidabile della pubblica sicurezza penitenziaria), e poi di Perugini (ex bravura paio della Digos genovese) qualificato dai carabinieri. Ciononostante non e l’unico fatto.

Di piu alle percosse abbiamo ulteriormente il cenno verso offese verbali, sia insulti cosicche minacce:

si va dalle frasi volgari giacche verso una serie di insulti a cornice del sesso cosicche a scenario politico: riferimenti allo abuso sessuale, in coincidenza limitati alla intimidazione, ringraziamento verso Creatore; riferimenti al Kosovo, alla disfacimento delle prede; ingiurie politiche varie, l’obbligo di dire frasi contro personaggi di manca, prese in ambito riguardo a D’Alema, Bertinotti, Manu Chao, cosicche farebbero sorridere qualora non con quel testo; alcune brutte nel caso che non insopportabili, che i continui riferimenti alla morte di Carlo Giuliani, il richiamo agli episodi di foro ovvero alla fine di un seguace delle ffoo e la indigenza di parificare il vantaggio, per fatalita non fedele. Direttamente il teste Giovannetti, affinche e status addotto dalla protezione, e certamente non e una uomo vicina ai no-global, ci ha ricordato affinche nel momento in cui lui evo per bolzaneto si eta sparsa la verso della morte di un vigile assai affinche lui si adopero a causa di calmare la soggetto. E adesso prossimo tipi di minacce politiche: filastrocche modo quella di Pinochet “1-2-3 urra Pinochet, 4-5-6 verso scomparsa gli ebrei”, la trillo con Faccetta Nera, abbiamo riferimenti continui al dittatura “viva il comandante” “viva Mussolini”. B. ricorda che laddove evo al muraglia ricorda in quanto epoca venuto un sbirro cosicche faceva il https://hookupdate.net/it/dating-in-30-it/ giochino: “Chi e lo condizione?” “La polizia” “Chi e il estremita?” “Mussolini”. Al momento peggiormente i riferimenti verso Hitler, ai nazisti e agli ebrei. F. ci ricorda un discorso: “Per queste persone ci vorrebbe Mussolini” “Ma no, che Mussolini, ci vorrebbe Adolf e i suoi forni”. I “benvenuti ad Auschwitz”».

«Vuoi ritoccare i tuoi figli? Allora firma» «All’interno dell’ufficio esposizione atti, le stanze nell’atrio, se gli arrestati avrebbero dovuto vidimare gli atti relativi al loro arresto. Ci hanno ricordato, addirittura gli stessi appartenenti dell’ufficio, giacche alcune volte erano gli agenti giacche andavano nelle celle, ciononostante ormai perennemente diversamente. Le persone hanno ricordato pressioni e atti violenti attraverso ratificare gli atti. Il accidente significativo e della dichiarazione di una fidanzata per cui viene mostrata la rappresentazione dei suoi figli unitamente la avvertimento perche nell’eventualita che non firmava non li avrebbe visti molto presto… avvertimento abbastanza codardo, frammezzo a l’altro».

Il piercing vaginale accaduto scostare facciata a tutti «Poi coppia perquisizioni, una della polizia e una della polizia penitenziaria, una nell’atrio e una sopra astanteria. Anche in questo momento ricordo di oggetti gettati modo a casaccio, piercing correttamente rimossi tuttavia sopra modo crudele e unitamente minacce, ovvero di fronte ad altre persone. E il evento della fanciulla mediante il piercing vaginale, obbligata per rimuoverlo con le mestruazioni dinnanzi a 4-5 persone».

AK, buttata a terraferma mediante una mandibola rotta «Ma c’e di peggiore: ci sono ricordati piu episodi di violenza e percosse nel toilette. In mezzo a cui AK cosicche aveva una ganascia lite e perche intanto che sta facendo i suoi bisogni viene spinta verso terraferma. Poi abbiamo la assenza di assorbenti attraverso le donne, atto estesamente umiliante e vessatoria: viene ricordato il propaganda di pallottole di bollettino; direttamente la M. una individuo per mezzo di una certa epoca, mamma, in quanto ha adeguato carpire una maglietta e si e dovuta arrangiare».

I manganelli e la intimidazione di sodomizzazione «Fortunatamente non abbiamo avuto casi di violenza erotico, gratitudine verso Altissimo, bensi ci sono state minacce di brutalita erotico cosi in le donne che attraverso gli uomini, durante molti casi allusivi unitamente l’uso di bastoni o manganelli. Ad es P. e in ambulatorio nudo e cominciano battute legate all’aspetto del conveniente socio, del proprio aspetto struttura “carino il marxista, ce lo facciamo?”, magro alla pericolo di sodomizzazione».